martedì 23 novembre 2010

Google Hotpot per geolocalizzare la qualità: le vie della reputazione sono infinite

Proprio di questi giorni è la notizia del lancio, da parte di Google, di un nuovissimo tool:Hotpot.
Hotpot si propone come un’utile e user friendly interfaccia che permette non soltanto di rovare tramite google maps ristoranti o luoghi da visitare, ma anche e soprattutto di inserire le proprie recensioni a riguardo. Ma non è tutto qui. Questa nuova piattaforma è destinata ad ottenere larghi consensi, in quanto è una guida decisamente a portata di tutti, tra l’altro accessibile anche dagli smartphone (dai quali si prevede l’utilizzo maggiore). La grande differenza rispetto a qualsiasi altra guida, sarà il fatto che Hotpot verrà costantemente creata e aggiornata proprio dagli utenti, cioè da coloro che cercheranno informazioni su Google circa ristoranti, luoghi da visitare, hotel o locali.




Saranno proprio i navigatori ad arricchire costantemente questa bacheca: ad esempio, tramite un immediato click sul rating delle stellette di un ristorante, o attraverso la lettura di quanto altri hanno scritto a riguardo, oppure aggiungendo la propria esperienza tramite una personale recensione. Essa andrà non solo ad aggiungersi alle altre, ma risulterà anche fondamentalmente importante sulla reputazione on line della realtà recensita, ed andrà, conseguentemente, ad nfluenzare in maniera positiva o negativa gli altri fruitori di Hotpot. C’è da sottolineare, inoltre, la duplice funzione di questa piattaforma: su un livello, è possibile cercare luoghi di interesse ed esercizi legati ad una determinata area geografica, cliccarvi ed inserire le roprie recensioni; su un altro livello, invece, si possono “salvare” luoghi da vedere in futuro e onsiderare le “raccomandazioni” che il sistema di HotSpot offre ad ogni utente, una volta sviluppato il suo profilo
Infatti, in una costante e mobile spirale, il dna di Hotpot si arrcchisce di nuovi anelli: ecensioni, reputazioni on line, ma anche sensibilità nei confronti della personalità, gusti ed inclinazioni del soggetto “cercante”, del viaggiatore, del fruitore e recensore. Tutto è legato e sinergico in Hotpot: consideriamo poi che, come si prevede in un articolo a riguardo, il suo utilizzo maggiore è stato previsto proprio da mobile phones come Smartphone e Iphone: la comodità della ricerca, la possibilità di leggere in tempo reale le recensioni degli altri utenti (e di farci idea della reputation on ine del ristorante/hotel/luogo in questione), unito all’immediatezza di una nostra recensione, anche a “caldo”, senz’altro faranno di questo nuovo tool non solo un prezioso strumento di ontenimento dati, ma soprattutto di condivisione di esperienze. Hotpot, che per ora è disponibile solamente in lingua inglese, diventerà un efficace ed indispensabile amico per chi viaggia e non desidera “brutte sorprese”, ma anche una irrinunciabile guida per le realtà commerciali che intendono onitorare la propria reputazione on line attraverso l’analisi di tutte le recensioni e onsiderazioni presenti sul web. Da oggi, con Hotpot,non ci saranno più solo guide cartace, blogs e social networks a disposizione del viaggiatore.

Articoli correlati per categorie



Nessun commento:

Posta un commento