lunedì 8 novembre 2010

La reputazione e il prezzo degli hotel sul web


(Teleborsa ) - Roma, 8 nov - La distribuzione tariffaria online ha cambiato le regole del gioco per gli Hotel italiani, portando le tariffe per pernottamento a frequenti up/down sul costo di pernottamento. E' quanto emerge da una analisti del comparatore prezzi degli hotel www.trivago.it, nel suo recente studio tHPDI (trivago hotel price disparity rate) sulle tariffe praticate da quasi 8 mila strutture ricercate, ha osservato la media dei prezzi per categorie alberghiere in Italia e il livello di dinamicita' dei prezzi, indice conosciuto come "disparity rate".
Dalla ricerca trivago emerge che i prezzi praticati online dagli alberghi presentano una forte dinamicità e aumentano in relazione alla reputazione online della stessa struttura e alle tariffe praticate sul web dalla concorrenza. La classificazione alberghiera diventa sempre meno rilevante per i prezzi di listino, soprattutto nelle categorie più basse, dove i prezzi seguono fasce di prezzo molto simili.



Sarebbe interessante capire come viene valutata la reputazione on line della struttura e posizionati i prezzi della concorrenza: un vantaggio notevole per le strutture alberghiere potrebbe derivare dall'utilizzo di sistemi automatici per analizzare i valori correlati direttamente all'utenza (feedback, rating, reviews) e quelli relativi alle azioni della concorrenza, per costruire una mappa completa sul posizionamento della propria struttura rispetto ai competitor.

Articoli correlati per categorie



Nessun commento:

Posta un commento