martedì 16 novembre 2010

Welcome, videocurriculum! Come trovare lavoro con una semplice webcam.

C’è chi ha detto addio alle consuete tecniche di candidatura. Non che il buon, vecchio curriculum cartaceo (o in formato elettronico) non venga più impiegato, ma proporsi per una posizione di lavoro, o per sostenere un provino non ha più soltanto una strada a senso unico.
Sul web si registra infatti una costante crescita di talenti che, agguerriti e muniti semplicemente di fiducia in sé stessi, si piazzano davanti alla telecamera e mostrano i propri skills, raccontando di sé e delle proprie esperienze lavorative. E lo fanno in maniera convincente, studiata, arricchita da un bagaglio di frasi ad effetto unito ad un efficace e sapiente snocciolamento delle proprie competenze.
C’è da chiedersi se queste persone non vadano semplicemente ad aumentare il numero esorbitante di utenti che amano mostrarsi, per vanità o per ricerca di facili ed immediati consensi. Nient’affatto.
Questi giovani (perché la stragrande maggioranza sono, in effetti, di età compresa tra i 18 ed i 30 anni) hanno capito che YouTube offre una immediatezza di risultati che conta pochi rivali. Ecco perché, quando qualcuno di questi candidati decide di realizzare un video, o meglio, un videocurriculum, sa già a cosa punta, e si gioca il 100% delle probabilità di ottenere un determinato posto di lavoro a cui è interessato. Ma non è un mero elenco di capacità acquisite il loro.

Stando infatti ai dati pervenuti chi sa come presentare al meglio se stesso e il proprio excursus lavorativo, sfruttando la giusta gestualità e uno sguardo pertinente ha, tramite il videocurriculum, più possibilità di trovare lavoro rispetto a chi siede irrigidito davanti all’obiettivo e racconta con tono atono le proprie esperienze maturate nel mondo del lavoro. Oltre alle vaste possibilità che si aprono dinanzi al candidato, si assiste anche ad un significativo aumento delle visite sui loro profili. Non solo, infatti, quello di YouTube, ma anche Facebook, Twitter, Linkeldn: la reputazione on line del soggetto viene ricoperta di notevoli attenzioni, traducibili in termini di visite.
Alcuni esempi trovati su YouTube possono aiutarci a capire meglio la densità del fenomeno e le differenze di videocurricula presenti sul canale stesso.

Simonetta ha realizzato un videocurriculum semplice ma efficace.



In questo video invece sono contenute tutte le informazioni e gli step necessari per la realizzazione di un buon CV.

In Italia il fenomeno è in espansione; questo ci porta a capire che non solo i candidati hanno adottato nuove strategie di comunicazione e di autopromozione, ma anche le aziende si rivolgo sempre più frequentemente al Web nella ricerca di nuovi talenti da inserire nel proprio organico. Che sia la strada giusta per una più efficace condivisione delle proprie esperienze e l’incremento non solo di posti di lavoro, ma per un miglioramento anche della qualità stessa delle selezioni?

Articoli correlati per categorie



Nessun commento:

Posta un commento