venerdì 14 dicembre 2012

Grillo, Salsi e Favia: la cacciata dei dissidenti vista da Twitter

Lo scontro intestino al Movimento 5 Stelle è rimbalzato su tutto il web, e in particolare su Twitter, che rappresenta sempre un'ottima cartina tornasole nelle esplosioni di una crisi per capire come si muove l'opinione pubblica.
Attraverso l'analisi dei tweet di questi giorni relativi a #grillo, #salsi e #favia abbiamo cercato di capire quali siano stati gli argomenti più caldi del dibattito.

Innanzitutto dalla classifica generale degli hashtag più utilizzati, risulta chiaro che i due termini principali del confronto per il popolo di Twitter sono Salsi (23,05% dei tweet) e Grillo (20, 85%), mentre Favia viene citato con frequenza molto minore (11,58%) e comunque dopo il movimento (#M5S 13, 50%). 


Interessante notare che #berlusconi e #pd vengono tirati in ballo più spesso di #casaleggio, direttamente coinvolto nella diatriba.
Infatti, se alcuni, come il direttore de La Repubblica Ezio Mauro, fanno paragoni tra Grillo e il Cavaliere, altri pensano alle possibili alleanze tra i dissidenti e il Pd:



Analizzando invece quelli che sono i concetti correlati a ciascuno dei tre nomi all'interno dei tweet, si scopre che la maggior parte dei commenti su Grillo si concentra sulle riflessioni fatte a Servizio Pubblico ieri sera: tra gli hashtag più correlati ci sono #serviziopubblico, #santoro, #landini, ma anche #casapound. Nella puntata di ieri infatti è stato trasmesso un servizio sulla manifestazione del movimento neo-fascista contro il governo Monti, e in diversi tweet la figura di Grillo è stata accostata a quella del presidente del movimento:


Per quanto riguarda la Salsi molti tweet si riferiscono alla sue dichiarazioni rilasciate a Otto e Mezzo, e alcune delle parole più utilizzate rivelano associazioni insolite e non proprio lusinghiere: "La #Salsi è la #Belen della Politica. Sovraesposizione mediatica. Confido in un ballerino del PD che le tatui, ubriaco, 5 ...". A quando beatificazione della #Salsi? E il cambio casacca nel #pd?#Grillo ha fatto un autogol ma il seguito è come da copione.
C'è anche chi mette in relazione la cacciata dei dissidenti di M5S con le vicende Penati e Fiorito, ritenendo più grave il secondo caso: Bravi voi che accettate partiti che non cacciano #Fiorito o #Penati ma vi indignate per l'espulsione di #Favia o #Salsi.


Il trend dei tweet di ieri: il picco dei tweet c'è stato quando il Fatto Quotidiano ha pubblicato sul suo sito l'intevento di Salsi a Otto e Mezzo "M5S, Salsi vs Grillo e Casaleggio: “Il loro progetto politico è creare introiti economici”. Il secondo momento più twittato è stato ieri sera, quando Beppe Grillo con il 62% dei voti contrari ha perso la sfida del leader con Landini nel sondaggio di Servizio Pubblico.




Articoli correlati per categorie



Nessun commento:

Posta un commento