lunedì 30 settembre 2013

Ricerca del lavoro online. Molti vantaggi, ma quali i pericoli per l'identità digitale?

Nella ricerca del lavoro è sempre più frequente l’utilizzo di internet. Dalla ricerca delle aziende all’invio del Cv, il contatto tra datore di lavoro e risorse coinvolge in misura sempre più ampia il web, chiamando in causa soprattutto i candidati più giovani. Sebbene quella del social recruiting non sia ancora una realtà consolidata in Italia, anche i social network sono spesso usati come piattaforma utile per far incontrare domanda e offerta. Basti pensare a Linkedin, nato proprio dal proposito di connettere tra loro non solo professionisti ma anche aspiranti lavoratori con i maggiori esperti di uno specifico settore.

Secondo i dati diffusi da Adecco, una delle maggiori realtà internazionali di HR, l’88% dei selezionatori utilizza i social network, mentre il 53% dei candidati cerca lavoro soprattutto sui siti specializzati. Le modalità e gli scopi di utilizzo del web e dei social per quanto riguarda i candidati variano dalla costruzione di una rete di relazioni professionali alla verifica delle credenziali dell’azienda, e per quanto riguarda i selezionatori, dalla verifica del cv alla ricerca di profili idonei.

Internet è uno strumento immediato e alla portata di tutti anche da postazioni mobili, il che facilita la ricerca e velocizza le tempistiche. In un momento in cui la crescita dell’occupazione stenta a decollare, l’ “attività telematica” nella ricerca del lavoro si fa sempre più intensa e frenetica. Attenzione però, a non perdere di vista la salvaguardia e la tutela della propria privacy online.


Il ladro di indentità digitale è sempre in agguato e la sua presenza è capace di proliferare negli ambiti più frequentati  dagli utenti come questo, facendo leva sulla necessità di coloro che cercano un’occupazione. Sono stati registrati casi di truffa ai danni dei candidati, che spinti da allettanti annunci di lavoro, sono diventati vittima di veri e propri cyber-criminali.
I dati personali contenuti nel Cv possono essere utilizzati dal finto selezionatore o datore di lavoro per accedere all’account dell’homebanking (risalendo alla password dai propri dati per esempio), per accedere agli account dei social network, per entrare in possesso di informazioni sulle aziende per cui si è prestato servizio, serbando il rischio di compromettere la propria credibilità e reputazione della propria vita digitale e non solo.  



Al fine di evitare l’emergere di spiacevoli inconvenienti, occorre adottare alcuni piccoli accorgimenti, come diffidare di annunci di lavoro che promettono salari molto elevati e benefit di vario tipo, oppure da quelli scritti con una grammatica errata. È opportuno, inoltre verificare se l’azienda alla quale si vuole inoltrare la candidatura abbia un sito ed una sede fisica, facendo attenzione a non fidarsi delle offerte di lavoro che richiedono somme di denaro o non prevedono la fase di colloquio ai fini dell’assunzione.

È consigliabile, infine, non specificare nel dettaglio il proprio background professionale e scolastico, evitando di fornire dettagli sulle precedenti compagnie in cui si è prestato servizio, mantenendo solo informazioni fondamentali e utili per la valutazione e l’interesse da parte del potenziale datore di lavoro. Ottimizzare in tal modo il potente strumento che candidati e recruiter hanno a disposizione può aumentare le probabilità di raggiungere l’obiettivo ambito. Occhi aperti, dunque, e buona ricerca!



Articoli correlati per categorie



Nessun commento:

Posta un commento